Home Legambiente
Oasi Rete Natura
Comune di Casei Gerola
 
news
Un ruolo di riferimento nel birdwatching

Nonostante il Parco non disponga di infrastrutture adeguate (capanni, schermature) per l’osservazione degli uccelli senza correre il rischio di causare disturbo ed allontanarli, offre a birdwatcher ed ornitologi la possibilità di compiere numerose ed interessanti avvistamenti. 

Il Parco è conosciuto come sito importante per il birdwatching non solo a livello locale ma anche su scala nazionale ed addirittura internazionale, come testimoniano alcune pubblicazioni che lo citano: 

  • "A birdwatcher’s guide to Italy" di Ruggeri e Festari, Lynx 200 lo pone tra i 100 migliori siti italiani in cui osservare gli uccelli
  • "World cities" lo cita come luogo di interesse per il birdwatching nell’area circostante Milano. 
Su scala nazionale sono numerose le pubblicazioni ed i siti internet che menzionano il Parco ‘Le Folaghe’, ad esempio la rivista Parchi e Riserve, che lo indica tra i .. luoghi ideali per il birdwatching in Italia, al sito di Birdin’Lombardia che ne parla ampiamente tra gli ‘hot spots’ lombardi e lo ha scelto nel 2006 come sito in cui organizzare la ‘Festa dei Nodi’ di EBN Italia, la più importante associazione di birdwatching nazionale.

L'importanza del parco

L’area è oggetto di continuo e sistematico monitoraggio sin dal 1973, attività che ha permesso di redigere una ‘check-list’ di ben 282 specie (al 01/01/2017), tale da conferirle uno status di importanza a livello nazionale

Tappa nelle rotte migratorie

L’elevato numero di specie migratrici che vengono più o meno regolarmente osservate al Parco è dovuto alla posizione geografica in cui il Parco stesso è situato, vale a dire lungo un’importante direttiva migratoria che corre lungo il corso del fiume Po (che dista pochi km) ed in misura minore lungo il corso del fiume Scrivia (anch’esso a pochi km di distanza dal Parco). 

Data la sua caratteristica di isola ecologica, il Parco ‘Le Folaghe’ attira numerosi uccelli in migrazione e rappresenta un’area di sosta ideale. I motivi sono molteplici: in primis va considerata l’assenza dell’attività venatoria, non solo entro i confini del Parco ma anche nei territori circostanti (Z.R.C.); la scarsità di zone umide (ambienti di notevole importanza per l’avifauna) non solo sul territorio provinciale ma più in generale nella Pianura Padana occidentale costituisce un altro elemento di attrattiva.

CHECK-LIST AVIFAUNA DEL PARCO

E' possibile scaricare la check-list  del Parco, un importante documento che elenca tutte le specie di uccelli osservate nel parco dal 1973 ad oggi (ultimo aggiornamento: 01/01/2017), ordinate e catalogate secondo lo standard del CISO-COI.
Consigliamo a chiunque faccia birdwatching di scaricarla ed utilizzarla come riferimento e come strumento di aiuto per il riconoscimento degli uccelli osservati nel Parco.

Per ogni specie è specificato il tipo di presenza in relazione al parco, tramite l'utilizzo della seguente simbologia:

A - accidentale (numero delle osservazioni);    
B - nidificante;   
S - stanziale;    
W - svernante;    
E - estivante (ma non nidificante);    
Irr - irregolaree    
Reg - regolare; 

download

SCARICA LA CHECK-LIST


Di seguito sono esposte sotto forma di racconto le osservazioni pi¨ rilevanti avvenute nel parco dal 2004 ad oggi (alcune schede sono ancora in corso di verifica e lavorazione).

2008
   


2007
  2007  


2006
  2006  


2005
   


2004
  2004  


Torna su

Il Parco Ŕ un'oasi inserita nel contesto dell'International Waterfowl Census (IWC) dal 1994 e da allora collabora a questo progetto di censimenti a livello europeo eseguendo ogni anni i censimenti dell'avifauna svernante e nidificante nei confini del parco.


2008
  2008 SVERNANTI 2008 NIDIFICANTI

2007
  2007 SVERNANTI 2007 NIDIFICANTI

2006
  2006 SVERNANTI 2006 NIDIFICANTI

2005
  2005 SVERNANTI 2005 NIDIFICANTI

2004
  2004 SVERNANTI 2004 NIDIFICANTI

Torna su